Epicondilite, Sintomi e Cure

L’epicondilite, comunemente conosciuta come “gomito del tennista”, è un’infiammazione che colpisce il gomito, prevalente tra i 35 e i 50 anni, e più frequente nel sesso femminile. Questa condizione può rendere difficili alcune attività quotidiane come portare borse pesanti, tenere in braccio un bambino, scrivere per lunghi periodi o utilizzare chiavi.

Origine dell’Epicondilite

La patologia deriva dall’infiammazione dei tendini che si inseriscono sull’epicondilo, una sporgenza ossea dell’omero. In alcuni casi, il dolore è causato dall’epitrocleite, simile all’epicondilite ma localizzata sull’epitroclea, parte interna del braccio.

Fattori di Rischio e Cause

L’epicondilite è associata a stress biomeccanico dovuto a movimenti ripetuti del gomito, frequenti nelle attività lavorative che richiedono sollevamenti pesanti o movimenti continui dell’avambraccio. Sport come il tennis possono incrementare il rischio a causa dell’uso intensivo dei muscoli epicondiloidei.

Identificazione dei Sintomi

Il sintomo principale è il dolore al gomito, che può essere accompagnato da rossore, gonfiore o calore nella zona infiammata. I movimenti che sollecitano i muscoli epicondiloidei, come la flessione o l’estensione del gomito e del polso, intensificano il dolore.

Diagnosi

La diagnosi è affidata a un medico specialista, che può utilizzare test clinici specifici come il test di Cozen e il test di Mill per confermare la presenza di epicondilite. L’ecografia è lo strumento diagnostico più comune per approfondire lo stato dei tessuti.

Opzioni Terapeutiche

Il trattamento può essere conservativo o chirurgico. L’approccio conservativo include l’uso di ghiaccio, riposo, farmaci antiinfiammatori, tutori e fisioterapia. Il trattamento chirurgico è considerato nei casi in cui i sintomi persistono nonostante le cure conservative.

Tutore per l’Epicondilite

Il tutore, che applica una leggera compressione sulla zona infiammata, è utile nella fase acuta per controllare il dolore. È importante regolare adeguatamente la tensione del tutore per non ostacolare la circolazione sanguigna.

Intervento Chirurgico

La chirurgia, necessaria in una minoranza di casi, può essere eseguita a cielo aperto o mediante artroscopia, con l’obiettivo di rimuovere il tessuto danneggiato e migliorare la funzionalità dell’articolazione.

Fisioterapia

Il percorso riabilitativo, personalizzato dal fisioterapista, può includere terapia manuale, mobilizzazione fasciale e l’utilizzo di mezzi fisici come laserterapia, cryoultrasuoni, tecarterapia e onde d’urto.

Approcci Alternativi

L’osteopatia, la chiropratica e l’agopuntura sono trattamenti complementari che possono offrire sollievo, lavorando sulla causa sottostante dell’epicondilite e migliorando la funzionalità dell’articolazione del gomito.

L’epicondilite, seppur dolorosa e limitante, può essere gestita efficacemente attraverso un approccio terapeutico mirato e personalizzato, offrendo ai pazienti la possibilità di ritornare alle loro attività quotidiane senza dolore.

possibile.

Se pensi di soffrire di Epicondilite, consulta un medico e considera la consulenza di un fisioterapista del nostro centro di fisioterapia Bergamo, Physioactive, per un trattamento mirato e efficace.

Contattaci, siamo specializzati in terapia manuale ed esercizio terapeutico, in questi anni abbiamo investito molto nella formazione e abbiamo acquisito molta esperienza clinica nel trattamento di questa patologia, sapremo valutare la tua situazione clinica e consigliarti il miglior percorso terapeutico.

Via Fornaci, 3/A

24027 Nembro (BG)

Lun - Ven: 8:00/20:00

Sab: 8:00/13:30

Privacy

15 + 9 =