Mal di schiena: l'educazione parte integrante del trattamento

Uno degli aspetti che fa la differenza nel percorso terapeutico per il mal di schiena, e che troverai nella nostro centro di fisioterapia, è l’educazione.

Cosa significa educazione?

Significa aiutare il paziente a comprendere meglio il suo dolore, a gestirlo in modo autonomo ed essere più consapevole di quali siano le attività che migliorano e quali quelle che peggiorano il sintomo; significa ridare fiducia nel movimento, consigliare esercizi personalizzati e motivare per raggiungere gli obiettivi prefissati ad inizio percorso. L’educazione e l’informazione aiutano a stabilire un rapporto di fiducia che resterà nel tempo, perché le scelte terapeutiche saranno condivise e correttamente spiegate ad ogni passaggio. Vi consiglieremo di prestare attenzione ai fattori di rischio per evitare ricadute.

Come?

Consiglio n° 1: cerca di variare movimento, la variabilità è la nostra più grande alleata per il benessere dell’apparato muscolo-scheletrico; se il lavoro ti costringe a mantenere posizioni a lungo o a fare movimenti ripetuti prova a cambiare per qualche minuto la postura nella quale sei costretto e a fare qualche movimento per sciogliere la tensione;

Consiglio n° 2: evita di fumare, c’è scritto anche sul pacchetto delle sigarette “ Il fumo nuoce gravemente alla salute”, anche alla salute della tua schiena;

Consiglio n° 3: cerca di mantenerti attivo e d’adottare uno stile di vita sano, sia per avere un peso corporeo nella norma, sia perché svolgere abitualmente attività fisica aiuta a dormire meglio e a ridurre lo stress. Puoi alternare attività fisica di livello d’intensità moderato ( camminare a passo spedito, andare in bici, nuotare ) per un minimo di 150 minuti alla settimana ad un’attività d’intensità maggiore ( salire le scale, andare in montagna, praticare sport, correre ) per un minimo di 75 minuti alla settimana. 

Questa scelta avrà numerosi benefici sulla salute:

                migliorerà il sonno,

                aiuterà a mantenere il peso stabile,

                rinforzerà muscoli e ossa,

                aiuterà nella gestione dello stress,

                sarà un valido aiuto nella prevenzione delle malattie, 

                migliorerà l’aspettativa di vita.

E quali sono le strategie per affrontare un episodio acuto di mal di schiena?

Le linee guida NICE ( National Institute for health and Care Excellence ), basate sulla revisione sistematica delle più recenti evidenze scientifiche sulla lombalgia e sciatalgia, consigliano d’informare ed educare le persone rispetto il legame tra dolore e danno ai tessuti, rassicurare che l’episodio di mal di schiena si risolverà in breve tempo mantenendosi attivi consigliando esercizi per l’autogestione del problema.

I programmi d’esercizio fisico sono considerati la base dei trattamenti e sono raccomandati per la loro efficacia, per la possibilità d’essere protratti oltre l’episodio di lombalgia in autonomia, riuscendo a mantenere nel lungo periodo il risultato a differenza di quelli passivi come il massaggio, la terapia manuale o le terapie fisiche. Quando il dolore non si risolve in tempi brevi è necessario un approccio integrato con terapia manuale, educazione, terapia cognitivo-comportamentale e, ovviamente, gli esercizi.

Per quanto riguarda i farmaci sono indicati i FANS ( farmaci anti-infiammatori non steroidei ), per un periodo di tempo limitato a causa della loro tossicità gastrica, cardiaca e renale, nel caso di dolore molto intenso o se i fans non sono utili a ridurre i sintomi sono indicati gli oppiacei leggeri in combinazione con il paracetamolo. I farmaci non costituiscono il golden-standard del trattamento del mal di schiena e vengono utilizzati per la gestione del dolore nella fase acuta, mentre per la lombalgia persistente sono meno indicati.

Il nostro approccio è basato sulla terapia manuale e sull’esercizio terapeutico, la prima permette la riduzione del dolore e il recupero dell’armonia del movimento mentre il secondo serve a rinforzare i muscoli, a recuperare fiducia nel movimento e ad apprendere in modo sicuro e autonomo quali siano le attività giuste per evitare una ricaduta. Insieme a queste tecniche, in fase acuta, utilizziamo le terapie fisiche nei casi in cui il movimento sia molto limitato dal dolore. L’educazione e l’informazione saranno parte integrante del percorso, dalla presa in carico fino al completo recupero.

Riassumendo in caso d’episodio acuto di lombalgia:

                evita il riposo a letto e cerca di rimanere attivo,

                assumi farmaci in maniera moderata e proporzionata al sintomo,

                non pensare d’avere qualcosa di rotto, la tua schiena è molto resistente, il dolore in breve tempo migliorerà,

                gli esami radiologici non sono necessari in prima battuta,

                pensa positivo e poniti degli obiettivi ogni giorno, faciliterà il processo di guarigione,

Contattaci, siamo specializzati in terapia manuale ed esercizio terapeutico, in questi anni abbiamo investito molto nella formazione e abbiamo acquisito molta esperienza clinica nel dolore lombare, sapremo valutare la tua situazione clinica e consigliarti il miglior percorso terapeutico per la tua schiena.

Via Fornaci, 3/A

24027 Nembro (BG)

Lun - Ven: 8:00/20:00

Sab: 8:00/13:30

Privacy

3 + 13 =